sei in: musica
archivio

Povia insiste: ''i gay non sono felici'' .1

pubblicato Martedì 17 Febbraio 2009
di Andrea Scarpa
Povia insiste: ''i gay non sono felici'' .1

GUARDA LO SPECIALE SANREMO.
SONDAGGIO: POVIA E I GAY

Giuseppe Povia
- l'autore di Luca era gay, la canzone più discussa del 59esimo Festival di Sanremo, racconta in esclusiva a Vanity Fair in edicola dal 18 febbraio come è nata l'idea della canzone e rilascia non poche dichiarazioni molto politicamente scorrette.

È vero che ha cambiato il testo in corsa?
No. L'ho cambiato mille volte, ma prima. Un anno fa, per esempio, Luca era gay si intitolava Un altro uomo. Dopo che l'ho depositata dal notaio, non l'ho più toccata.

Bonolis e Del Noce non le hanno chiesto un'aggiustatina?
Mai. Quella che Paolo ha ascoltato la prima volta è la versione definitiva.

A chi si è ispirato?
A un uomo che ho conosciuto in treno, nel 2005, prima di andare a Sanremo con I bambini fanno ooh. Durante il viaggio mi ha raccontato il suo percorso da gay a etero, padre e marito felice.

Il suo vero nome, però, non è Luca. E Luca Di Tolve, l'ex militante dell'Arcigay "guarito" con la preghiera, non c'entra?
L'ho sentito solo una volta, al telefono. Mi dispiace aver usato il suo nome. Il "mio" Luca non è guarito, ha cambiato comportamento.

La sua posizione nei confronti dell'omosessualità qual è?
Se un gay è sereno, buon per lui. Quelli che mi scrivono, però, dicono troppo spesso di essere felici. E secondo me non stanno così bene. Io racconto una storia: che uno abbia la coscienza sporca o pulita, l'ascolti a modo suo.

Il servizio continua
Precedente 1 di 2 Successiva

 
Vota 12345 (37 voti)
 
Commenti 3 commenti

FumoDenso (22/02/2009 ore 23.18)
Questa canzone è sottilmente schifosa: 1. manda il messaggio che essere gay deriva da una famiglia disagiata e da un rapposto sbagliato madre/padre. Quindi essere gay = avere un PROBLEMA dovuto ad una famiglia che ha problemi 2. dopo un periodo di ERRORE Luca ha trovato la via giusta e solo ora avrà l'amore eterno 3. non mi venite a parlare di religione, Povia fascista SOSTIENE LA PENA DI MORTE in questa intervista.

diego (19/02/2009 ore 12.14)
caro povia secondo me dovresti ritirarti perche sei scarso e di vedute ristrette. potresti darti all ippica .luca almeno è guarito tu penso di no . ciao

elena (18/02/2009 ore 13.36)
la gente ama parlare perchè adora ascoltare la propria voce... tu falli fare e canta, che ti riesce bene!!!

aggiungi un commento

INVIA


Vai alla pagina di abbonamento